Inediti – Ferdinando Tricarico

novembre 3, 2016 § Lascia un commento

ferdinando

Cataletto 13 bis

Nella mia vita ho già visto i tattoo, gli ululoni, un Marx stravolto da un Moretti, l’aids, la luna e i lumi: e una piazza di Pechino, e il Gran Motel De Sade, i job, i Jobs:

ho già visto il texasholdem, i sudoku, i gigaiku, i panettoni, i rosari, i grissini, i monumenti a Viale Mazzini, i casini, gli embrionini, Minzolini

ho già visto gli affondati del 2 dicembre (ma ricomposti appena al computer), gli affamati di aprile, i contaminati di giugno, i bucati di novembre, di febbraio: e l’incesto con mia madre a babbo morto: e la parvenza, e il possibile, e il precario orario, e il lunario

ho già visto il neutrino, il neutrone, con il solitone, con la fusione (in alfabeto informatico, dispotico): con il Pantagruel, con il sequel: e il sole e il sale e il cancro, e Tenco Luigi: e Cerere, e il miserere: con la coca cola (o cocascòla) con la coccola, con la mezzazoccola: e la coccaina (fit.), o* erythroxylon coca

ma adesso che ti ho visto vita mia, spegnimi gli occhi con due dita, e jà.

 

 

Fenesta ‘mmaretata

 

Ma quanno spònta la luna a Marechiaro?

Ì’veco pisce senza genio ’e chiavà

e ‘o mare comm’ a na tavula d’uoglio

ca tene ‘o culore d’’a pece.

 

Ma quanno spònta sta luna a Marechiaro?

 

Aret’ a na fenesta tu staie  mmaretata

e i’ te sfruculeo  cu nu silenzio cantatore,

a sotto â terra tremma e allucca:

“statte attienta è ‘o poeta nsurdatore”.

 

Areta ’ a na fenesta tu staie  mmaretata.

 

‘O culo ‘e Carulina  è  na pazzièlla

a paragone d’’e ccosce toie ca abballano

ncopp’ a sti suonne stuorte

ciaccanno e ammedecanno pure ‘a morte.

 

Chi dice ca  ‘e ccosce serveno a cammenà?

 

Scétate Francè ca ll’aria è doce

e i’ cu ll’uocchie ancora a lutto

me stongo nnammuranno  n’ata vota

nu rummannè  a durmì  nzerrata

aret’ a sta fenesta mmaretata.

 

Scetate Francè’  ca ll’aria è ‘a toia.

 

Ah, Ah, Ah, Ah, Ah,
Ah, Ah, Ah, Ah, Ah,
Scétate ca ll’aria è ‘a toia.

 

 

 

 

 

 

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Inediti – Ferdinando Tricarico su viomarelli.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: