Il bagaglio leggero -Krisztina Tóth

novembre 2, 2015 § Lascia un commento

toth

– canzoncina –
Per Lengyel Peter

Non riesco perdio a dipanare
né avvolgere i fili e nemmeno a lasciarli .
Non avrò mai un bagaglio leggero
su questa terra, anche se potrei averne bisogno.
Chi ha figli è bene che sappia:
non si vive senza un bagaglio leggero.
Nel possesso dei nostri altri saperi
a che serve a che serve il ficus col cachepot che

contiene solo acqua, come lacrime,
per non parlare dei vocabolari,
della tintura in tubi per capelli contro
i primi capelli grigi. Eccetera.

Sogni, sogni: dove potrei stiparli
le tante carezze e i volti,
il bel mormorìo. Un sogno però,
semmai dovessi, di mio figlio.

vorrei portare: niente, siede soltanto e guarda.
Non riesce ancora nemmeno a parlare, ma io
pretendo che me lo prometta:
morirò prima di lui .

(trad. Agi Berta)

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Il bagaglio leggero -Krisztina Tóth su viomarelli.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: