Ogni raggio implora attenzione – Paola Abeni

ottobre 23, 2014 § 1 Commento

abeni

 

Eccola la casa, di mura silenziose e pietre di fiume. Qui arriva il suono delle radici, il fragoroso mutare delle foglie. Dentro è racchiusa la polvere che innerva i corpi. Il tempo non fugge, non scalpita, chiama con voce cedevole ogni suo attimo. I nervi segreti dei sogni vestono le nostre mani, i volti bambini pungono ogni gesto d’innocenza. Vedo cedere ogni respiro al solo passaggio delle loro preghiere.

E’ ottobre e ogni raggio implora attenzione. Ogni ramo supplica d’essere capito.

Per la strada inciampo tra i volti dei morti, vestono bene e profumano di niente. Il bosco è troppo lontano, stipato tra crepe che serpeggiano ovunque. Le foglie chiamano ancora e piangono.

Un fondo di inesprimibile azzurro rende l’anima severa, più lucida sulla pelle, quasi nervosa.
Mi apro alla luce del tempo, così come sono.

Annunci

Tag:

§ Una risposta a Ogni raggio implora attenzione – Paola Abeni

  • Salvatore Fittipaldi ha detto:

    i temi del ricordo e dell’emozione vengono messi a nudo con tanta intensità fino a diventare dolore: è un oceano di ricordi viventi, quasi una materializzazione dei pensieri:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Ogni raggio implora attenzione – Paola Abeni su viomarelli.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: