Perché siamo saliti

settembre 2, 2013 § Lascia un commento

rebeccahorne

Tosse da fumo. Un sibilo di ruote, aria fredda ricicla di risulta. Respiro di terza mano. Si finge di dormire. Squillano cellulari, a turno, timbri accigliati –dimmi cara-arrivo tra mezz’ora- hai le chiavi. I rumori si intrecciano, sovrapponendosi tra una bolla di silenzio e l’altra. . Molto verde all’improvviso,  la pianura cementificata è alle spalle. Cambia l’aria, ogni volta cambia l’aria, persino riciclata, l’altitudine e schiocco alle orecchie. Eccoci. Tosse. Continua. Interrompe la telefonata, chiarissima. Il laboratorio. Come sono le analisi?  Non si saprà mai. Il volto è muto. Si arriva al valico. I valichi sono importanti. Niente dolore, per favore. Non ora. Sale, sale, curva, slitta, lo pensano tutti anche chi continua a dormire, tra un poco occorre  svegliarsi, organizzare le prossime mosse. Dio mio, mio dio. Fa’ che non succeda nulla sino alla fermata, al capolinea, Una bolla lontanissima a pochi centimetri di distanza. Chi è l’autista. Dov’ è  il posto. Perché siamo saliti.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Perché siamo saliti su viomarelli.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: