Coazione a contare – Gian Pio Torricelli

gennaio 9, 2013 § 2 commenti

CoazioneI

(introduzione)

 

“Se vuoi che t’aprano, conta fino a cinquemilacentotrentadue, ma non chieder mai permesso.”


Coazione a contare
è un’orazione autoctona (tanto, che ormai candisce) a favore d’una definitiva implosione dell’ideatività artistica o, almeno, è uno sleale contributo alla liturgia attraverso cui si sterilizza oggi l’invenzione libresca: seppure eufemismo segretamente blasfemo o sgambetto mancato verso lo spettro paterno dell’industria culturale (ossia, ripulsa eternamente preventiva del seno buono, in previsione che s’incattivisca, per un’elaborazione paranoica della fame); ma è anche un’economica e ipobolica parodia d’ogni determinazione psichica ed epistemologica, d’ogni finzione ludica o cerimoniale. Cosicché, per scontarla, sembri intanto desiderabile diventare la propria trappola, e non eluderla con l’alludere, al di là della maniera, alle infinite maniere dell’ermeneuticizzarla a chi ancora sostiene la noumenicità della coscienza. Poiché è forse così che ci è dato di assistere a una – come dire? – prometeica peregrinazione delle zone eronee del predicatore, attraverso l’esperito aforisma bruniano con cui “Sicuramente possiamo affirmare che l’universo è tutto centro o che il centro dell’universo è per tutto“, o magari affabularci attorno a un qualsiasi Nirvana persino dove ci è pluralis maiestatis?! Oppure l’ordigno che ti cambia l’errore in esattezza è forse ove scopri in un povero senso stretto una ricca latità di significati o, comunque, ov’è abbastanza nocumentata la sacralità della natura c’è differenza tra il neneismo e la dicotimia?! E preferisci che la lingua sia una creatura androgina o che il signifer caudalis e il liber scriptus proferetur in quo totum continetur sia, estaticamente o non, un’implicazione eubolica incestuosa?!

E se una prevalenza della sensibilità tattile durante la tua fase ontogenetica sintetizza lo stato oloneultico del plasma stellare e prelude a un’ipotesi di vita in cui, tra eccesso epischesico e neolalìa, l’incube della salvazione coatta della persona materna t’impone istericamente un’uterina simulazione schizofrenica dov’era un mare rimosso da un Super-Io maniaco-depressivo, potrai suonare a orecchio che il soggettivismo biologico del protozoaro sta alla sua moltiplicazione organizzata in un modello fisiologico, come l’individuo odierno tende ad annullarsi in un neo-plasma ecumenico?!

Eppure, anche ora tale interiezione pazientemente interrogativa puoi dirla proiezione animista, fotostatica d’una vaga ciclotimia vegetale entro un sogno d’eugenemi o paradossalità olovoca dell’impostazione junghiana: e la coazione starà tutta nel connettere alla condizione del potere (e alla sua relazione cabalistica dovere) col commento del riserbo che, nella sua regione alchemica, circonda il grumo neuronico del problema e del fatto?! (Eh, se ora tu la potessi già configurare come restrizione di campo, cappello amniotico e copula erezionale!) Ma la risposta sarà in parte, e purtroppo, nelle caratteristiche ipodomiche della descrizione delle pareti della stanza ove ti poni al sicuro, della pronuncia della riflessione di sapore namadico, della consacrazione di un limite oggettivo nel tuo soggettivo limitarti a consacrare, e dell’immondo complotto che cerchi nel confronto statistico delle diverse misurazioni delle onde herziane che vivificano, una per volta, le delicate sinapsi delle tue pulsioni copro-necrofile. O se lo vuoi non leggi più a te stesso, fino a farti raggiungere addirittura un paragone ipostatico delle strutture di quel perenne rinvio che sta, ad esempio, alla riproduzione partenogenetica di un altro “ad esempio“, quanto quest’ultimo è muco sull’apostrofo, o s’equipara all’identificazione di Mercurio con Ciborg, o meglio, alla sua prolificazione formulativa, in un esauribile rapporto omologico, di un residuo gastronomico dell’esemplarità che qui può anche dimostrare – per dirlo con Grifi – quanto il cervello sia solo un bel cancro dello stomaco.

E adesso, che COAZIONE A CONTARE sia COAZIONE A CONTARE è già qualche cosa di più che una pura e semplice tautologia: dacché che cos’è in definitiva un linguaggio (o la sua funzione) se non una tautologia epistemotipica, rispetto ai suoi comunicandi ante-linguistici?! O la letteratura non è forse un’allegoria pornografica della millenaria censura operata dalla civiltà sugli istinti biologici, tramite quella grandiosa trappola rimozionale che è stata ed è la nostra cultura?! E in sostanza, chi vuol dire una volta per tutte che la nostra cultura è un’inutile, tombale atarassia, una tragica ripetizione e un vuoto recipiente del vivere o, quasi, un’alimica illusione, allestendo la quale vi sembra talvolta di opporvi all’inconvertibile orientamento dell’evoluzione filogenetica in uno stratificato, farsesco concorso di segregazionismi e museificazioni, di situazioni, appunto, ossessivo-coatte?!

Così, a chi desidera travalicare ogni irresponsabilità o cautela e travasare decisamente in esclusive affermazioni tali istanze indirette, sarà lecito allora estendere alla storia la facile profezia clinica per cui è spesso naturale progresso e regresso di una nevrosi ossessivo-coatta l’esito (finale?) dello stupore catatonico: da malintendere poi come una dichiarazione di poetica.

 
Fonte: Gian Pio Torricelli, Coazione a contare, collana marcalibri a cura di Magdalo Mussio, Lerici Editore, Roma, 1968.

 

 

Tag:

§ 2 risposte a Coazione a contare – Gian Pio Torricelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Coazione a contare – Gian Pio Torricelli su viomarelli.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: